Mar-Dom: 18:00-24:00

il Pizz’ino | American Bar |Pizzeria |Aperitivi |
!

– la storia

come tutto è iniziato

La storia della pizza in senso moderno, inizia alla fine dell’ottocento ma è solo dagli anni cinquanta del secolo scorso che questo piatto ha ampliato la sua diffusione fuori dalla Campania fino a diventare una delle pietanze più consumate a livello mondiale. Grazie all’immaginazione dei Pizzaioli di Tramonti tutto ha inizio da Luigi Giordano, un giovane di Tramonti che apre nel 1948 un caseificio a Loreto di Novara dove produce Fior di Latte (formaggio sconosciuto all’epoca nella Pianura Padana). Luigi inizia ad utilizzare le mozzarelle invendute per preparare la pizza, con il successo che tutti conosciamo. Nel 1951 apre Luigi apre così la strada ad altri Tramontani che danno vita ad una vera e propria invasione di pizzaioli al nord. Ai primi anni novanta si contano più di 2.000 pizzerie legate ad un pizzaiolo di Tramonti.

– la storia

il fior di latte nasce a tramonti

La tradizione dei piazzaioli di Tramonti ha origini ancora più antiche. Seppur con le dovute differenze, una forma primordiale della pizza veniva prodotta in queste zone già nel Medioevo, cuocendo nei forni rurali un impasto di cereali inferiori condito con lardo ed erbe aromatiche. Ma è il famoso pizzaiolo napoletano Esposito meglio conosciuto come l’inventore della pizza Margherita a consacrare definitivamente il Fior di Latte prodotto unicamente all’epoca da un caseificio tramontano. Alla fine dell’ottocento, l’intero paese di Tramonti si reggeva sulla produzione del fior di latte che veniva venduto alle pizzerie di Napoli.

– la storia

come nasce il pizz’ino

Sono nato nel settembre del 1972. Con la mia famiglia vivevamo sopra la pizzeria Piè di Grotta. Da piccolo il mio pongo era un panetto di pizza che modellavo imitando i gesti del pizzaiolo mio cugino Costantino, il mio primo maestro pizzaiolo. L’aspetto giocoso è stato presto sostituito dal disprezzo, quasi odio nei confronti della pizza. Ho passato l’adolescenza dietro ad un forno mentre i miei amici uscivano per divertirsi. Non volevo fare il pizzaiolo ma la vita si sa riserva sempre strane sorprese. E’ il 1992, mio padre viene stroncato da un brutto male ed io sono il maggiore di 3 fratelli. Nel 1994 apro il Piè di Grotta Express, una delle prime pizzerie da asporto di Alessandria con forno a legna, da dove tutto è partito. La continua voglia di innovarmi, di cercare l’impasto perfetto, di dimostrare ad un padre che non c’è più di essere all’altezza mi porta nel luglio del 2010 ad avere una grande intuizione ed invento la cottura a Pizz’ino che diventerà poi brevetto nel 2012.

– la storia

il brevetto

Oggi esistono 3 tipi di cottura della pizza. La cottura al mattone, la cottura in teglia e la cottura Pizz’ino che è a meta strada tra le altre due. Il Pizz’ino è uno strumento di cottura che ho ottenuto togliendo il fondo ad un padellino ricavandone una corona svasata. Questo tipo di cottura conferisce alla pizza friabilità data dal contatto con il mattone, unita alla sofficità data dal tegamino. Nasce così l’unica pizza friabile come cotta in forno ma al tempo stesso soffice come cotta in tegame senza essere però unta.

Un nuovo metodo di cottura per rendere la pizza morbida, soffice e fragrante

prenota un tavolo

– il pizz’ino di Alessandria

Cosa dice chi ha già provato il pizz’ino

Nicola Dileo

Nicola Dileo

Un istituzione in città

Un’istituzione in città. Pizzino unico nel suo genere. Professionalità e gentilezza in un bel posto in centro città. Il cortile interno è meraviglioso. Complimenti!

Giusi Stuto

Giusi Stuto

Pizza davvero buona

Buona pizza sia la normale che il pizzino che sarebbe la pizza più piccola e più alta ben cotta. Piatti vegetariani: Ovviamente si. Locale idoneo ai bimbi.

– il pizz’ino di Alessandria

Prenotazione online

Per prenotazioni 0131.1716401

7 + 14 =